Storia

Il Teatro Nuovo è stato costruito su progetto dell'ingegnere Sesto Boari fra il 1925 e il 1926, ubicato in pieno centro storico, in Piazza Trento e Trieste 52.

L'architettura della facciata appare sobria, decorata da tre colonne che sorreggono un ampio balcone dal quale si affacciano due grandi finestroni.

L'interno presenta una pianta a campana con una vasta platea e due ordini di gallerie mentre le decorazioni presentano stucchi e rilievi in tardo stile liberty.

Gli elementi che caratterizzano il Teatro Nuovo Ferrara fin dalle sue origini sono un’acustica degna di nota, felice esito di esperienze sulla fonicità dei maggiori teatri europei e la cupola centrale.

Fu inaugurato nel 1926 con la rappresentazione di "La cena delle beffe" di Umberto Giordano.

Da maggio 2012 il teatro chiude e viene contestualmente avviata una complessa fase di ristrutturazione, terminata con il rilascio di tutti i permessi di legge nel marzo 2015.

Il teatro è stato acquistato dalla società Teatro Nuovo Ferrara, rappresentata dal sig.Giovanni Di Matteo, il quale ha presidiato ai complessi lavori di restauro. Grazie alla bellezza e all’ampiezza delle sale, le quali possono ospitare un pubblico di oltre 800 persone, e alla posizione strategica in pieno centro storico, il Teatro Nuovo si presenta anche come location ideale per una molteplicità di eventi.

Il teatro è stato inaugurato domenica 26 aprile 2015, restituendo alla città un luogo per fare cultura e non solo proprio nel cuore di Ferrara.